Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

La Non-Linzer

martedì 12 aprile 2011
La Non-Linzer

Scusate, posso? Col vostro permesso, sarei qui oggi a passarvi una ricetta di torta che a casa mia si è sempre spacciata per Linzer, ma che a essere sinceri Linzer non è. Perché, perché... beh, già, perché?
Perché non è una crostata, ecco. A mio discredito, vi confesso che questa è una specie di short-cut che ha poco o nulla a che fare con una frolla, è piuttosto una torta Linzertorte, più soffice della classica e di sicuro molto poco friabile. In più, a volerla dire tutta, è anche una che non si offende se si usano le nocciole al posto delle mandorle, non fa la permalosa se invece che marmellata di mirtilli rossi (un genere che certo non impazza a San Francisco e dintorni) se ne usa una ai lamponi (nel caso specifico, poi, addirittura lamponi e prugne), e non se la prende se - data la consistenza dell'impasto - è praticamente impossibile farle avere delle strisce tutte perfette e regolari.
Sottigliezze? Sofismi semantici? Cavilli culinari? Non saprei. Sta di fatto che, nonostante le ovvie mancanze, le piacerebbe molto avere il permesso di qualificarsi come Linzer per il suo sapore, da Linzer. Che sia cosa prevista e consentita?
In attesa di un verdetto, e sempre col vostro permesso, io comunque ve la offrirei ugualmente, questa Linzerwannabe.


Non-Linzer Torte
per uno stampo di 24cm di diametro

burro, a temperatura ambiente 105 gr
olio dal sapore neutro 105 gr.
uova 3
zucchero 210 gr.
farina 210 gr.
nocciole 210 gr.
lievito mezza bustina
sale un pizzico
cannella abbondante
marmellata di lamponi, ribes o mirtilli rossi q.b.


Tostare le nocciole in forno per una decina di minuti, lasciarle intiepidire e poi tritarle finissime nel mixer, aggiungendo un paio di cucchiai di zucchero tolti dal totale, per evitare che rilascino l'olio.
Sbattere il burro e l'olio con lo zucchero rimasto finché il composto è cremoso, unire quindi le uova una alla volta, il sale e abbondante cannella. Aggiungere infine la farina setacciata, il lievito e le nocciole tritate. Mescolare bene.
Rovesciare l'impasto in una tortiera imburrata e infarinata, tenendone da parte circa mezza tazza per la copertura. Spalmare delicatamente la marmellata sulla superficie, lasciando un bordo di circa 1-2 cm. Con l'aiuto di una tasca da pasticceria, formare le classiche strisce da crostata usando l'impasto tenuto da parte, e lasciando parecchio spazio tra una striscia e l'altra, perché in cottura si allargano.
Cuocere a 180 per circa 50 minuti, finché il solito stecchino infilato nel mezzo esce pulito. Lasciare intipedire la torta e servirla spolverandola a piacere di zucchero a velo.
16 commenti
Lydia ha detto...

A me mi piace assai questa linzer che linzer non è e che manco permalosa è

Anonimo ha detto...

Secondo me, siam cresciute nella stessa casa a nostra insaputa...ne ho una in archivio da pubblicare, molto ma moooolto simile :) e i permalosi, si taglino pure la parte offesa, ohhhhh.

Manuela e Silvia ha detto...

La tua liner non linzer piace pure a noi, una versione leggermente diversa, forse più vicina ai dolci nostrani ed ugualmente golosa e semplice.
buonissima alternativa.
baci baci

Reb ha detto...

ecco, partito l'invio, ma quella su son sempre io (e abbiamo anche la rima; ho la stupidera, più del solito, questa sera)

Stefania ha detto...

Una bella ricetta..comunque, ciao :)

Diletta ha detto...

Però non capisco perchè questa torta voglia diventare una Linzer....a mio avviso da cugina della linzer è perfettissimissima così!!!

Un sorriso a strisce,
D.

Simo ha detto...

linzer si, o linzer no...a me sembra fantastica ugualmente!

maia ha detto...

per me e' deliziosa cosi!

buona giornata

franci e vale ha detto...

E poi che gusto c'è ad essere perfette? Le torte tutte perfettine sono quasi noiose, e poi a me non vengono maiiiiiiiiiii........ Questa è più simpatica.,!!!! Ciao

l'albero della carambola ha detto...

Mi piace questa linzer non linzer...come tutte le varianti delle torte "con un nome"...La tua versione mi piace le poi è proprio bellina!!!
simona

Titti ha detto...

Questa linzer non linzer deve essere buonissimaaaaa!!! Brava!

Laura ha detto...

Linzer o no, sembra deliziosa!

Fabipasticcio ha detto...

Fantastica la non linzer torte che soprattutto si lascia vestire di differenti sapori!
Buona serata

°.°. PIPS .°.° ha detto...

pensa che invece a casa mia si prepara proprio così: c'è una base morbida (una torta praticamente) e sopra la marmellata e la classica "grata" di strisce di pasta. E ti assicuro (come avrai sperimentato) che è assolutamente deliziosa!

Daisy ha detto...

Non sara' la versione ufficiale ma a me piace molto!!!

One Girl In The Kitchen ha detto...

Grazie a tutti!
@Reb: forse si' siamo cresciute insieme, ma tu dove eri quando le mie torte si spatasciavano? ;)

@Diletta: infatti, forse deve rinunciare alle velleita', e' solo perche' e' piu' figo fare la torta firmata!

@Francie e Vale: avete ragione, che gusto c'e' a farle perfette?? Mi sa che me ne devo ricordare la prossima volta...

@PIPS: anche con te forse sono cresciuta insieme, a mia insaputa... e mi sa pure che abbiamo ereditato la stessa ossessione per le cianfrusaglie vintage... !

@tutte le altre, graziee!

Posta un commento