Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Gli Scones di Arizmendi N.1

giovedì 27 agosto 2009
Scones di Arizmendi ai Cranberries e Farina di Mais

Non so se si e' capito, ma mi piacciono un sacco le bakeries. E pure gli scones, a dire il vero. Sarei capace perfino di disegnare una mappa della citta' basata sui panifici e sui prodotti che vendono. Vi piace il pane alle noci con tante tantissime noci? Girate a destra. Volete una ciabatta? Avanti 200 metri e poi a sinistra. Avete bisogno di una baguette come la fanno in Francia, per di piu' sfornata fresca alle 5 di pomeriggio? Autobus N.22, ultima fermata.

E' solo da quando mi sono trasferita in America che mi e' venuta 'sta fissa, in Italia non ci facevo caso. Il fatto e' che da noi i panifici si danno per scontato, un po' come le Chiese: tanto lo sai gia' che appena giri l'angolo ti troverai di fronte a una pagnotta o a un Crocifisso. Qui invece succede lo stesso con Starbucks, un nome una garanzia, e' difficile non sbatterci contro. Mentre le bakeries artigianali, con il forno nel retro e il lievito madre in fermento, sono una rarita'. Per l'Americano medio, il pane e' un parallelepipedo a fette, gommoso, imbustato in sacchetti di plastica trasparente e pronto per essere tostato. Croccantezza, fragranza, profumo e scarpetta non fanno parte dell'immaginario comune. E' per questo che quasi mi commuovo ogni volta che scopro un nuovo panificio oppure vedo che esistono altri fan al seguito come la sottoscritta. Perche' mi da' speranza e mi fa pensare che forse siamo ancora disposti a fare retromarcia e a rinunciare per un attimo alla comodita' del pronto-veloce-facile-economico in favore di qualcosa di sano e autentico. Scusate, come al solito sto divagando...

Per tornare alla mia personalissima mappa, fra le pietre miliari ci metto senza dubbio Arizmendi Bakery, nel quartiere del Sunset. Famosa per la pizza e per le baguettes a pasta acida, Arizmendi fa parte di un gruppo di piccole aziende cooperative capitanato dalla mitica Cheese Board di Berkeley. Leggere la storia di Cheese Board e' trovarsi improvvisamente giovani e rivoluzionari, e innamorarsi di nuovo della California, dei suoi ideali e dello spirito anticonformista che la contraddistingue.

Cheese Board e' nata nel 1967, e all'inizio era un piccolo negozio di specialita' alimentari che ha avuto il merito di mettere in vendita per la prima volta una serie di formaggi autentici e di importazione, i formaggi formaggi, all'epoca praticamente sconosciuti. Ispirandosi agli ideali egualitari degli anni '60 e alla volonta' di redistribuire la ricchezza in maniera piu' equa, qualche anno piu' tardi Cheese Board e' diventata una societa' cooperativa in cui tutti i lavoratori sono anche soci alla pari, hanno uguale diritto di voto e godono della medesima struttura retributiva. E ha continuato a sopravvivere e a prosperare negli anni, sostenuta allo stesso modo dalla fede nella democrazia e dalla passione per gli ingredienti genuini.

Seguendo lo stesso modello, hanno cominciato a diffondersi in anni piu' recenti strutture analoghe, panifici indipendenti di piccole e medie dimensioni, operati e gestiti dai lavoratori stessi, a cui Cheese Board ha messo a disposizione il finanziamento iniziale, oltre che il training e tutte le ricette. Una rete di cooperative nota come Association of Arizmendi Cooperatives, dal nome del Sacerdote José Maria Arizmendiarrieta, fondatore della corporazione cooperativa Mondragón nei Paesi Baschi, ispirata a ideali paralleli di redistribuzione dei mezzi di produzione.

Tornando al pane per i nostri denti e all'argomento piu' stretto di questo post, Arizmendi l'ho segnata sulla mia mappa per le morbide brioches al latticello, i panini a pasta acida dorati e croccanti e TUTTI gli scones, che sono a decine, con gusti che variano a seconda della stagione: al limone e mirtilli, alla zucca, alle mele e noci, al cioccolato, al formaggio. E in fondo anche io per il bene della collettivita', mi sono ripromessa di provarli tutti, quindi tanto vale che iniziamo adesso. Fare scorta di latticello, mi raccomando.


Scones di Arizmendi n.1
Farina di Mais e Cranberries

per circa 6 scones

farina 150 gr.
farina di mais a grana grossa 110 gr.
(io ne ho messi 50 gr. e il resto ho usato farina fioretto)
lievito chimico 1/2 cucchiaio
bicarbonato punta di un cucchiaio
sale un pizzico
burro freddo 115 gr.
zucchero 65 gr. + un paio di cucchiai per la copertura
ciliegie (o cranberries) essiccati 50 gr.
latticello 130 gr.
un uovo per spennellare


In una ciotola, setacciare farina, lievito, bicarbonato. Unire sale, zucchero e farine di mais e mescolare. Aggiungere il burro freddo tagliato a cubetti e mescolare finche’ il burro e' ridotto a granelli. Unire i cranberries (o le ciliegie essiccate) e mescolare ancora. Fare una fontana al centro e unire il latticello. Mescolare l'impasto velocemente, solo fino a quando risulta appena amalgamato. Lasciarlo quindi riposare per circa 5 minuti.
L'impasto si puo' fare tranquillamente a mano, anzi e' preferibile dal momento che bisogna appunto fare attenzione a non lavorarlo troppo a lungo.
Formare delle palle di circa 6 o 7 cm di diametro senza lavorarle troppo, ma cercando di mantenere un aspetto granuloso in superficie. Disporre gli scones sulla teglia foderata di carta forno, pennellarli con l’uovo leggermente sbattuto e spolverare di zucchero. Infornare a 210, abbassare subito la temperatura a 190 e cuocere per 20/25 minuti finche’ sono dorati. Farli raffreddare su una grata prima di consumare.
11 commenti
Fra ha detto...

Grazie grazie grazie...questi scones hanno un aspetto divino...ora devo solo trovare i cranberries
Un bacione
fra

Barbara ha detto...

Anch'io adoro le bakeries...ma sai che questi scones (che mi piacciono moltissimo) mi ricordano, frutta a parte, delle sbrisoline mantovane?!
Davvero molto interessanti!

Grazie,
B

marta ha detto...

Che buoni che devono essere! ;)) Buon we Marta

alessandra (raravis) ha detto...

a nome di tutta la collettività, rignrazio e ssotengo l'iniziativa, offrendomi anche come volontaria per la dura prova dell'assaggio, anche comparativo ( io ho la fissa degli scones irlandesi, per esempio). Farò scorta di latticello, giurin giuretto
ciao
ale

mika ha detto...

Mmm, niente latticello in giro, proverò con quello finto latte aceto...certo, non è la stessa cosa, ma empre meglio che non provare qmai questi bellissimi scones...

Rosy ha detto...

Sara it took me a while to figure out it was you.
Found you! Added you to my blog list, finally.
How time consuming is it to keep bilingual blogs? Diletta is doing the same. I would not mind considering that my Australian friends could read me, but I am afraid I might not be able to keep up with both blogs. I'll eventually write you and Dile an e-mail about it.
Love

astrofiammante ha detto...

sarebbe decisamente una bella scorribanda passare da quei posticini che profumano di pane e simili, i tuoi scones sono davvero da far invidia ad uno di quesi posticini, complimentiiiiii!!!

A home far away ha detto...

Lovely photo and it looks yummie!

Have a nice Sunday
Hugs Gunilla in Singapore

Susina strega del tè ha detto...

Buonissimi!!!
bella la storia sulla Cheese Board di Berkeley, non la conoscevo proprio....
buon inizio settimana!!

Alex ha detto...

Inutile dire che condivido quello che hai scritto (e non sono divagazioni come dici tu)...
splendide le cose che prepari!!!

Francesca P. ha detto...

Ecco, io più leggo e più me la sogno, 'sta America. Voglio fare il tour dei panifici, con te. E assaggiare tutto.

Posta un commento