Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Quinoa con Spinaci Saltati al Limone e Zenzero

mercoledì 19 febbraio 2014
Quinoa with Spinach, Lemon and Ginger

La tua casa, essendo il luogo in cui tu leggi, può dirci qual è il posto che i libri hanno nella tua vita, se sono una difesa che tu metti avanti per tener lontano il mondo di fuori, un sogno in cui sprofondi come in una droga, oppure se sono dei ponti che getti verso il fuori, verso il mondo che t'interessa tanto da volerne moltiplicare e dilatare le dimensioni attraverso i libri. Per capire questo, il Lettore sa che la prima cosa da fare è visitare la cucina.
La cucina è la parte della casa che può dire più cose di te.
~ Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore



Sono entrata in una trappola. Ieri ho letto queste parole e, all'apice della vocazione bloghereccia dei miei (forse ultimi) giorni d'esilio, ho deciso di prenderle in prestito per dare inizio a un nuovo post.
Poi però ho avuto come la sensazione di trovarmi su un terreno a sdrucciolo, costretta da me stessa a continuare un discorso che non reggerebbe il confronto. Non ce la posso fare. Preferisco davvero lasciarle cadere così, queste frasi rubate, silenziose ma ingombranti, cariche e fitte come fiocchi di neve.
Del resto, cosa si potrebbe dedurre dalla mia cucina inesistente? Sarebbe una delusione. Forse tu, Lettore, potresti pensare che il mio blog è tutto un bluff (come del resto io stessa vado ripetendo a chiunque mi dia un po' di confidenza...), e che in realtà mi piace molto di più perdere tempo a litigare coi fantasmi, ammucchiare pezzi di legno e ascoltare la voce delle cose, specie quelle arrugginite e stanche, piuttosto che affilare coltelli e triturare le carote per il soffritto. Perché a dire il vero, a me non è mai piaciuto preparare il soffritto, con tutta quella cipolla da affettare tra lacrime senza senso, e quelle verdure da scubettare alla perfezione, pena il discredito perenne dal Gran Consiglio dei Soffriggenti.
Cosa si potrebbe postulare dalle mie ciotoline rigorosamente scompaiate, da quella fila di spezie senza remora che riescono a farsi strada a seconda degli umori del momento, dallo zucchero grezzo e dall'immancabile manciata di farina Manitoba, che non si sa mai? Posso anche aggiungere, per chi volesse indagare oltre, che posseggo mio malgrado un forno E.N.O.R.M.E., un buco nero e profondo a prova di Tacchino, quantomai sproporzionato e imbarazzante. Col tempo ho imparato ad andarci d'accordo e ho messo a frutto la sua stazza indisponente trasformandolo in ripostiglio; se tu, Lettore infedele, potessi guardarci dentro, vedresti una pila indistinta di teglie scure e rotte, accatastate l'una all'altra senza senso, di quelle teglie grezze e pesanti che ci si attacca tutto e che a cuocere biscotti non ce la fa neanche Martha Stewart.
Ho quindi un indispensabile tostapane, quasi nuovo ma finto vintage; tantissimi vasetti pieni di marmellata, di solito rossa e con le fragole, di quella semplice, con i pezzi ma senza pepe, aceto balsamico o altre diavolerie. Marmellata deliziosamente imbloggabile.
Una tagine che vorrei usare più spesso, quattro vasi di vetro, raggiungibili solo con una scala, colmi di stampini per ogni forma del creato, per biscotti natalizi al miele e cannella, per cannelés di Bordeaux e per ravioloni ripieni che non vedranno mai la luce. Pentole sospese al soffitto, mini cocotte in tutti i colori della primavera, e un'unica concessione futuristica a una vergognosa progressione di grattuge lunghe, sottili e affilatissime.
Ma non c'è spazio per due, nella mia cucina. Non c'è una sedia e nemmeno un tavolo, figurarsi! Non esiste dispensa né cassetto, e l'ordine imperfetto di pentolame, forchettame, attrezzume e caccavelle si regge su un equlibrio assai delicato, progettato con fatica e tutelato con orgoglio.
Cosa potresti dedurre, caro Lettore dallo sguardo impietoso, non saprei proprio dirlo. Ci ho pensato, tutta la sera e poi un'ora stamattina col caffè. Ma la mia cucina vera è uno spazio immaginario, "un sogno in cui sprofondo come in una droga", una difesa per allontanarmi dal mondo, chiedendo al mondo di venire con me.
E allora ecco qua, buona quinoa spinacina a tutti.

Quinoa, Spinach and Salt


Quinoa con Spinaci Saltati
al Limone e Zenzero

per 4-5 persone

Quinoa with Spinach, Lemon and Ginger

quinoa 250 gr
spinacini freschi due mazzi abbondanti
aglio 2 spicchi
limoni 2
zenzero fresco 1 pezzo
olio di oliva, sale, salsa di soia q.b.


Quinoa and Garlic

Pulire delicatamente gli spinacini e togliere i gambi piu grossi. Scaldare qualche cucchiaio di olio in una larga padella, soffriggere per due minuti gli spicchi d'aglio sbucciati e tagliati a metà, quindi unire gli spinacini puliti e farli appassire leggermente. Insaporire con la scorza dei limoni e lo zenzero grattuggiati.
A parte cuocere la quinoa in acqua salata, seguendo le indicazioni della confezione. Lasciarla gonfiare e riposare per qualche minuto.
Quando è pronta, unirla agli spinaci e far saltare per un minuto, mescolando e unendo a piacere salsa di soia o un pizzico di sale.
Servire tiepida.
w.v.<3

Big Bowl of Quinoa

19 commenti
Memole ha detto...

Che bella ricettina...A me la quinoa piace un sacco!!!

Martina ha detto...

Ma se poi invece io lettore dalla tua ucina fossi amorevolemente incuriosita ti stupirei? Non tanto per la individualità ed originalità, che in molte cose arrangiate si assomiglia molto alla mia (anzi mi sa che il confronto non reggerebbe ...),, quanto per la cura del dettaglio e l'amore che la circonda, soprattutto per le pentole vecchiotte e appese in aria. Per quanto riguarda la cucina dei sogni che posso dire; spero solo sia più realizzabile della visione del mondo che vorrei ....
Ti mando un saluto e ti rubo una cucchiaiata di quinoa spinaciosa
a presto :)

Mirtilla ha detto...

una bella ricetta,sana,ricca e piena di gusto :)

Sabina ha detto...

Ma quanto sono belle le tue foto!
E Calvino... resta sempre Calvino!

Micol Cerruti ha detto...

..........e questa ricetta e' semplicemente fantastica....

Friarielli and Sound ha detto...

Per alcuni minuti mi sono sentita nella tua cucina e mi è piaciuto.
Nella mia c'è sufficiente spazio per due ma senza un tavolo, senza una dispensa e con un forno-ripostglio. Anche in piedi, stanca dopo un a lunga giornata di lavoro, mi sento nel posto più accogliente del mondo.
Spesso riapro Se una notta d'inverno un viaggiatore per rileggere questo passo.
Ciao!
Leti

manu ha detto...

Sembra buonissimo!!
Un abbraccio e buona giornata

Arianna Frasca ha detto...

Da come hai descritto la tua cucina mi sembra davvero un luogo magico. Mi piacerebbe vederla, un piccolo spazio dove tutto sembra lasciato al caso ma niente lo ė.

franci e vale ha detto...

Deliziosa, DELIZIOSA immagine della tua cucina, io lettore, anzi lettrice, ne sono invero affascinata......

Peanut ha detto...

Mi piacerebbe avere una cucina tutta mia da arredare e allestire nella maniera che più mi rispecchia, per ora, la cucina che vivo è quella di casa dei miei, odio la sua disorganizzazione, la sua scomodità, la poca illuminazione, la mancanza di un piano di soggiorno...no, questa cucina dice decisamente poco di me. Non sono molto ordinata ma credo che la cucina la tratterei come fosse d'oro. Io, lettrice, non posso che dedurre quanto ti trovi a tuo agio tra il tuo pentolame e caccavelle dall'equilibrio precario, ed è già tutto, non m'interesserebbe altro.
Mi piacciono i piatti semplici in cui si sente perfettamente tutto ciò che c'è dentro, in cui ogni ingredienti riesce a dare importanza all'alto, e il tuo è sicuramente uno di questi. Devo provare la quinoa bicolor ;)
bentornata e a presto!

Ely Valsecchi ha detto...

Io penso che la tua cucina sia meravigliosamente imperfetta come quella di tutti ma che mai come ora rispecchi quello che sei, io mi accorgo che la mia cucina cambia con me, 17 anni fa quando mi sono sposata non era così ma ora è proprio come sono e sai una cosa? Non la cambierei ora come ora.... La guardo e nel suo infnito disordine con le scatole e gli elettrodomestici per terra mi piace....
La quinoia non l'ho mai mangiata, acquistata si ma mai cucinata e questa ricetta mi piace, non troppo complicata e con pochi ingredienti come piace a me! Chissà se oggi la dispensa si libera di un pacchettino.... Un abbraccio e buona settimana!
Ely

Anonimo ha detto...

invece io mi trovo bene nella tua cucina, dove passo silenziosamente per
godermi un pò di pace e semplicità.
Bellissimo Calvino.. ed ottima la tua compagnia.
Clelia
Padova

andreusanchez ha detto...

Buongiorno Sara!

Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 230000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

Restiamo a tua disposizione!
Andreu
Ricercadiricette.it

Cintia Soto ha detto...

Meravigliosa la tua fotografia, oggi ti ho trovato su Pintrest e sono felice di farlo.

iana ha detto...

Io che non ho mai avuto un forno gigante, ora nella mia cucina ne ho 2, e sono la scelta migliore che abbia fatto (così uno può sempre fungere da ripostiglio mentre l'altro è in funzione)! ;) Ma dove sei quindi? Ancora in esilio? Un saluto

Silvia Collicelli ha detto...

cosa c'e di meglio di una pila confusionaria di pentoline e tegami che si regge sfidando le più elementari leggi della gravita'? fantastica!

Karen ha detto...

La nuova terza maglia Leverkusen presenta un esclusivo design e di classe in bianco, rosso e nero che è rotto solo dal logo azzurro luce del nuovo sponsor Barmenia Versicherungen, una compagnia di assicurazioni tedesca. bianco 16-17 terzo kit di Leverkusen è dotato di un collare moderna e la scritta ‘Werkself’ sul retro sotto la scollatura.maglie da calcio a poco prezzo,
magliette da calcio poco prezzo, Maglia real madrid 2017 prezzo
maglia AC milan prezzo online

Karen ha detto...

The NFL Flag for Washington Redskins is viewable from both sides with the opposite side being a reverse image.Fly this flag with any of our tailgate poles or 6' aluminum flagpoles and adjustable flag brackets.
buy Cleveland Browns house divided flags
Pittsburgh Steelers banners shopstars and stripes flags,
football flags sale

شركة المثالية لتنظيف ha detto...

شركة تسليك مجارى بالدمام

Posta un commento