Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Il Pane dei Miracoli

martedì 23 giugno 2009
Pane Senza Impastare

Dopo averla messa in un angolino in attesa di tempi migliori, finalmente sono riuscita anche io a provare questa ricetta che impazza ormai da piu’ di due anni sui foodblog di tutto il pianeta.
Ora mi chiedo perche’ ci ho messo cosi' tanto ad affrontare l’esperimento, che’ dopo averlo provato mi pare che senza questo pane non posso piu’ vivere. Ah si, ora ricordo, credo avesse a che fare col fatto che, dopo essermi trasferita A VIVERE DA SOLA (yu uhhhhhh!), sono rimasta per mesi e mesi senza pentole, misurini e caccavelle, perche’ forse era piu’ urgente che mi comprassi un letto, un materasso e un paio di sedie (a dire il vero sono anche riuscita a infilarci un paio di stivali nella lista delle cose da comprare con urgenza, ma questa e’ un’altra storia…)
Farina, acqua, sale lievito, un paio di giri con la mano, sbam! Finito. Il resto del lavoro questo pane lo fa da se', cosi’ io ho piu’ tempo per andare al cinema o a fare altro shopping impellente : )
Il merito di aver diffuso via etere questo miracoloso procedimento e’ di Mark Bittman, ovvero The Minimalist, che l’ha pubblicata sul NY Times adattandola dalla Sullivan Street Bakery di NY. E da li’ la ricetta ha preso vita propria, e il PSI (Pane Senza Impastare) e’ stato sfornato nelle cucine di Manhattan e Portland, passando per Napoli, Cordoba e San Paolo, per approdare finalmente nel mio piccolo studio sulla 30ma Strada, Noe Valley, San Francisco.
Il video con la spiega lo trovate qui. Buona visione.


Pane Senza Impastare
per una pagnotta di circa 750 gr.

farina forte 430 gr.
acqua 345 gr.
sale 9 gr.
lievito secco 1 gr.
farina di mais o fiocchi di avena per spolverare q.b.

Per prima cosa, fare due conti sui vostri appuntamenti del giorno successivo e programmarli in base all'ora del pane. Questa e' la parte piu' difficile, il resto, come si e' detto piu' volte, e' cosi' semplice che anche un bambino di 4 anni riuscirebbe a farlo.
In una ciotola mescolare farina, sale e lievito. Io ho usato un terzo di farina integrale e due terzi di farina bianca, le proporzioni possono variare, ma tenete presente che la farina integrale lievita meno e rende il pane piu' denso. Le prossime volte provero' ad aumentarne progressivamente la dose e vedere fino a che punto posso andare per ottenere un'alveolatura soddisfacente.
Unire l'acqua e mescolare brevemente con la mano finche' tutto il composto e' amalgamato, ma NON IMPASTARE (senno' che Pane Senza Impastare e'?).
Coprire con della pellicola e lasciare lievitare dalle 12 alle 18 ore, a seconda della temperatura esterna. L'impasto si presentera' umido e appiccicoso, con delle bolle su tutta la supeficie.
Il giorno successivo, rovesciare l'impasto su un telo cosparso generosamente di farina di mais o fiocchi di avena, oppure un mix delle due (si possono aggiungere anche altri semi a piacimento, di lino, di finocchio e cosi' via). Dare le pieghe come nel video, rovesciare la pagnotta con la "cucitura" rivolta verso il basso, coprire con il panno e lasciar riposare per altre due o tre ore.
Preriscaldare il forno e la pentola (preferibilmente in ghisa, ma anche il pyrex va bene) a 230, devono essere entrambi super bollenti al momento di infornare. Aiutandosi con il panno rovesciare velocemente il pane nella pentola, questa volta con la cucitura verso l'alto, coprire con il coperchio e mettere in forno. Dopo 30 minuti, togliere il coperchio e lasciare cuocere ancora 15-30 minuti finche' si ottiene uan crosta dorata e croccante. Lasciare raffreddare su una grata prima di tagliare.
Spalmare di marmellata, addentare e autocomplimentarsi :)

Posta un commento