Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Cornbread

lunedì 29 novembre 2010
Cornbread

E così se ne va un altro Thanksgiving weekend. E io con estrema nonchalance vi regalo una ricettina da Ringraziamento proprio alla fine della festa.
Il fatto è che in quasi 10 anni di soggiorno in terra straniera non ho mai osato mettere mano ai piatti di questa tradizione, anche perché la mia amica (la stessa che anni prima ci viziava sfornando chocolate chip cookies un giorno sì e uno no), dicevo la mia amica, mossa a compassione, mi invita sempre al suo T-Day, e io di solito mi salvo in corner portando una crostata, oppure una pumpkin pie rimediata alla pasticceria francese vicino casa (ne sanno, ne sanno questi francesi, bisogna ammetterlo...).

Quest anno però ho deciso di essere un'ospite più educata, e con estremo orgoglio mi rimbocco le maniche e provo anche io a contribuire all'operazione tacchino. Virtualmente, e in clamoroso ritardo, ma l'importante è partecipare, diceva qualcuno... Quasi quasi mi sbilancio e vi prometto che nei prossimi giorni settimane, quando tutti staranno ormai pensando alle torte a forma di cuore e ai ravioli rosa per il giorno di San Valentino, io mi presenterò candida e innocente con qualche altra pietanza che di solito non manca mai sulla tavola del Ringraziamento: patate dolci, stuffing, green beans, magari perfino una pie (ehm...forse...). E poi, diciamola tutta, in questo modo mi posso prendere in anticipo e a novembre 2011 mi giocherò il vantaggio linkando forsennatamente al passato :-)
Però non illudetevi, non mi vedrete ancora alle prese con il tacchino (intendo IL Tacchino, IL Peso Massimo, IL 20 Pounder, quello perfetto, tronfio, sugoso, quello che insieme ai milkshake, alle ragazze pon pon e alle lavanderie automatiche ha fatto da cornice a tutti i nostri sogni americani, da Happy Days a Saranno Famosi), ecco QUEL tacchino ancora no. Non scherziamo, non ce la posso fare. Sarò anche una Girl in The Kitchen, ma non mi chiamo Martha Stewart. Preparare QUEL tacchino vale una Green Card, e io non sono pronta, tutto qua.

Ma ora bando alle ciance, ecco a voi la prima entry della mia nuova categoria, Ringraziamento, anzi, facciamo pure Thanksgiving.
E a voi tutti, grazie di esserci.


Cornbread
per una padella in ghisa di 20 cm di diametro

farina di mais a grana grossa (cornmeal) 140 gr.
farina bianca 125 gr.
burro 100 gr.
zucchero 80 gr.
uova 2
latticello 235 ml.
bicarbonato di sodio 1/2 cucchiaino
sale 1 pizzico


Per la cronaca, il cornbread si trova tutto l'anno e non solo durante il periodo del Ringraziamento, ed è molto diffuso in tutti gli USA anche se è più tradizionalmente associato alla cucina degli Stati del Sud: qui viene di solito preparato usando soltanto farina di mais, senza zucchero e senza agenti lievitanti, e viene cotto in una padella di ferro pesante, abbondantemente unta di burro, olio o strutto e scaldata in forno prima che vi venga versato l'impasto. Il risultato è un "pane" molto granuloso e che si sbriciola facilmente (tanto che spesso si mangia al cucchiaio con l'aggiunta di latte o latticello), non è per niente dolce e ha una crosta bruna piuttosto croccante.
Negli Stati del Nord invece, l'impasto del cornbread assomiglia molto di più a quello dei muffin o di altri quick breads (come il pumpkin bread o il banana bread), è più morbido e dolce per l'aggiunta di farina di grano, bicarbonato e zucchero, e viene cotto in forno come una normale torta.
Quella che vi offro è la versione Yankee, con l'aggiunta della farina di grano. Io la preferisco perché le briciole che se ne vanno dappertutto non fanno per me, però al tempo stesso mi piace poco dolce e cotto nella padella in ghisa, ma nulla vieta di aumentare lo zucchero, variare la proporzione delle due farine, e prepararlo in una normale teglia da forno (se quadrata, ancora meglio).

Riscaldare il forno a 180, imburrare bene una padella in ghisa e tenerla in caldo. In una ciotola, mescolare la farina di mais, la farina bianca e il sale e tenere da parte. Fondere il burro in un padellino e lasciarlo leggermente intiepidire, poi mescolarlo allo zucchero. Unire le uova, mescolare finché sono amalgamate, quindi aggiungere il latticello e il bicarbonato. Alla fine unire il mix di farine e mescolare solo finché si ottiene un composto sufficientemente omogeneo. Versare l'impasto nella padella calda (o in una normale teglia da forno precedentemente imburrata) e cuocere a 180 per circa 30 o 40 minuti.
9 commenti
Babs ha detto...

sai che c'è sara, che mi hai invogliata a farlo, mi manca il latticello che vedo di recuperare e ci provo! un baciotto
b

carlotta ha detto...

anch'io vorrei farlo! da tanto ne scruto le ricette online, ma non ho mai capito bene con cosa vada mangiato, se da solo o... boh! certo buono, dev'esserlo per forza! farò del latticello homemade e mi metterò all'opera! grazie per la recipe! attendiamo le tue portate da Thanksgiving!

Mirtilla ha detto...

ma guarda qui che meraviglia!!!

Mapi ha detto...

Su Sara, non fare la modesta: io sono convinta non solo che potresti benissimo cimentarti con IL tacchino, ma anche che riusciresti ad aggiungere qualcosa alla famosa ricetta americana.

Ti aspetto l'anno prossimo, con la tua personale interpretazione di Mr T(urkey)!

Ann ha detto...

Da provare di sicuro :)
La foto mi piace troppo, semplice ma con un non-so-che di chic e professionale *_*

One Girl In The Kitchen ha detto...

Ciao Babs!

@Carlotta: di ricette ce ne sono a mille, prova. Qui si mangia a tavola, come accompagnamento alla cena, e magari pure spalmato di burro quando e' ancora caldo. A dire il vero io lo trovo troppo pesante per essere usato come pane. Per me sta bene da solo, quasi come un dolcino, anche a colazione.

@Mapi: tu scherzi, ma e' proprio la stazza di queste bestie che mi fa paura. Non credo entrerebbe nella mia cucina, o io o il tacchino! Pero' sto pensando magari di fare un petto ripieno e arrotolato....piu' gestibile per le dimensioni del mio frigo e del mio forno.

@Ann e Mirtilla: grazie!

Diletta ha detto...

Sara,mi rubi sempre una bella risata!!!
Allora facciamo così...quando ti vuoi cimentare con IL tacchino, tu fischia che io corro!!!

Un sorriso ripieno,
D.

Valentina ha detto...

Ciao! ti ho scelto per due premi :) e ti faccio i miei complimenti per il Blog!

http://cul-in-aria.blogspot.com/2010/11/1-mese-3-settimanee-tante-soddisfazioni.html

FrancescaV ha detto...

non sai da quanto lo vorrei fare uhmm mi sa di un buono. Le tue foto poi sono veramente belle, mi piacciono tanto e mi mettono pace :-)

Posta un commento