Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Spaetzle agli Spinaci

lunedì 1 marzo 2010
Spaetzle agli Spinaci

DICK: I guess it looks as if you're reorganizing your records. What is this though? Chronological?
ROB: No...
DICK: Not alphabetical...
ROB: Nope...
DICK: What?
ROB: Autobiographical.
DICK: No fucking way!
(J. Cusack & T. Louiso, High Fidelity)

Se dovessi anche io tentare di riorganizzare le ricette in ordine autobiografico, come John Cusack fa coi suoi dischi in Alta Fedelta', questa qui la metto senza dubbio nella categoria Anni di Universita'. Con meno di 10,000 Lire si riusciva a mangiare in otto, e si faceva sempre un figurone nonostante la poca dimestichezza fra i fornelli. Un piatto di spaetzle non si rifiutava mai a nessuno: senza pretese e con pochi fronzoli, facevano subito festa (festino o festone, dipendeva dal numero di ore mancanti all'esame fratto il numero di pagine ancora da affrontare).
La caccavella arrivava dritta dritta da casa mia, ed era all'epoca l'unica concessione stravagante in una cucina giallo canarino che metteva paura solo a guardarla, teatro di interminabili tornei a scopone scientifico in cui chi perdeva era condannato a lavare i piatti per il resto della settimana.
Bei tempi quelli. Non esisteva Sale di Maldon o Farina di Forza, il pesce era un pensiero terrificante e le melanzane le consideravamo una verdura esotica. E allora giu' di spaetzle e di spritz con l'oliva, tutto quello che volevamo era racchiuso in quattro ingredienti.
Adesso posso affermare con certezza che sono stati questi Spaetzle (o Gnocchetti di Spinaci, come noi profani eravamo abituati a chiamarli) a trascinarmi alla rovina, segnando l'inconsapevole inizio di questa follia culinaria.

E come John Cusack in Alta Fedelta', anche io ho stilato la mia personale classifica Top Five. Ecco a voi i cinque sapori che a chiudere gli occhi mi riportano dritto dritto ai vent'anni, quando il mondo sembrava dividersi fra architetti e aziendalisti, e in mezzo stava tutto un popolo di latinisti, biologi marini, interpreti di russo, topi di biblioteca, archeologi, commercialisti, chimici furenti, inguaribili romantici, paleontologi, matematici, oboisti, glottologi e aspiranti giornalisti.

5) Lo spritz (Aperol con oliva, grazie): a 1,500 Lire all'happy hour era un vero attentato al quieto vivere;

4) La pasta fredda con pomodorini, mozzarella e olive nere: ovvero l'estate sotto ai denti, cosi' di moda che c'era anche chi si mangiava gli avanzi a colazione (non io, era l'amico architetto che non si schiodava mai);

3) Gli spaetzle di cui sopra, rigorosamente al burro e parmigiano. Perche' esplorare alternative quando il condimento ci sembrava la perfezione assoluta?

2) La manina alla crema: considerata un vero lusso per colazione, la manina era sempre capace di riaccendere qualunque speranza. Calda e burrosa, ti riappacificava col mondo anche quando le sirene urlavano l'arrivo dell'acqua alta e in casa gli spifferi di vento arrivati da chissa' dove rendevano inutile e ridicola la vecchia stufa a gas. Aiutava non poco il fatto che proprio li', nel panificio sottostante, vendevano la manina piu' buona di tutta la laguna. Solo una rampa di scale, non serviva nemmeno indossare le scarpe. Oggi vai tu?, ci si domandava appena svegli. Il tempo di fare il caffe';

1) Il primo posto, a giudizio plenario della critica e dei consumatori, va all'unico e inimitabile Bigne' di Tonolo: vera e propria istituzione per il popolo studentesco di Venezia, ricompensa e insieme pegno da pagare per aver superato l'esame, una difficile scelta tra top 3 (crema pasticcera, crema caffe' o crema gianduia?), tappa obbligatoria nei pomeriggi di nebbia all'uscita da Ca' Foscari. Tonolo univa in un coro unanime tutti i futuri architetti, aziendalisti, latinisti, biologi marini, interpreti di russo, topi di biblioteca, archeologi, commercialisti, chimici furenti, inguaribili romantici, paleontologi, matematici, oboisti, glottologi e aspiranti giornalisti di cui sopra. Ogni discussione cessava di fronte ai suoi bigne' e - mi permetto di dire - ogni tanto anche di fronte alle sue frittelle allo zabaione.
(cfr. i seguenti commenti in calce a Pasticceria Tonolo, Facebook Official Fan Page e Appassionati di Tonolo, Non Official Facebook Group:
Tonolo Patrimonio dell'umanità, scritto da M. Gianola, Tonolo Fan; Grazie di esistere!, scritto da A.K. Bidorini, Tonolo Fan; Dopo 4 anni sono riuscito a mangiare due frittelle con la crema chantilly, anche stando all'estero... mi son commosso!! , scritto da V. Battain, Tonolo Fan; Ieri ho scoperto i bignè alla crema chantilly... la mia vita non sarà più la stessa!, scritto da S. Vedova, Tonolo Fan; Come le fa Tonolo non le fa nessuno!, scritto da M. Casarin, Tonolo Fan; Grandissimo rispetto., scritto da F. Giacometti, Tonolo Fan; La mia droga sono i bignè di Tonolo! Quello al cioccolato è un antidepressivo naturale!!, scritto da R. Perenzin, Tonolo Fan; Io AMO Tonolo!!, scritto da V. Massetti, Tonolo Fan; A chiunque abbia fondato questo gruppo va tutta la mia stima. E anche alle sacher di Tonolo, ovviamente, scritto da G. Zornetta, Tonolo Fan).

Scusate la digressione, se non ricordo male si stava parlando di spaetzle...


Spaetzle agli Spinaci
per 4-5 persone

spinaci freschi, al netto circa 300 gr.
uova 3
farina q.b. (direi circa 250-300 gr.)
sale, pepe, noce moscata q.b.
burro, parmigiano o ricotta salata per condire q.b.


Questa e' una delle pochissime ricette che faccio a occhio, ma stavolta, unicamente per il bene del blog, ho deciso di pesare il mucchietto di spinaci. Avrei anche pesato la farina, ma mi e' partita la mano...
Lavare e asciugare gli spinaci, eliminare i gambi piu' duri e tritarli finemente al mixer. Unire uova, sale, pepe e noce moscata e poi iniziare ad aggiungere farina finche' si ottiene una pastella soda ma ancora piuttosto fluida. E' consigliabile fare una prova, cuocendo due piccole cucchiaiate di impasto nell'acqua bollente: se reggono, l'impasto e' pronto, altrimenti aggiungere ancora un po' di farina.
Usando l'apposito attrezzo, appoggiato sopra la pentola con l'acqua in ebollizione, far scendere gli spaetzle e lasciarli cuocere per qualche minuto. Scolarli e condirli con burro fuso e parmigiano grattuggiato.
Gli spaetzle si possono anche congelare: in questo caso basta passarli sotto l'acqua fredda appena scolati, in modo da fermarne la cottura, e poi riporli in freezer negli appositi sacchetti.

[...] facciamo un cambio, prenditi pure
quel po' di soldi, quel po' di celebrità.
Ma dammi indietro la mia seicento,
i miei vent'anni e una ragazza che tu sai.
Milano scusa stavo scherzando,
luci a San Siro non ne accenderanno più.


(R. Vecchioni, Luci a San Siro)
22 commenti
Virginia ha detto...

Sara, ma io non so cosa sia una "manina"!!!
E lo spatzle maker su amazon mi fa troppo morire!!!

Onde99 ha detto...

Ma cos'è la manina alla crema? :-O
Adoro gli spatzle, finora li ho fatti semrpe bianchi, ma voglio provare anche la versione con gli spinaci. Anche a me questa ricetta ricorda gli anni dell'università: perennemente inappetente, mettermi davanti un piatto di spatzle era l'unico modo per farmi mangiare!!!

fiOrdivanilla ha detto...

e io che guardavo in basso alla fine del post se alla fine avevi davvero messo l'Etichetta degli Anni di università!! E invece niente...! :D
La pasta fredda con pomodorini, mozzarella e olive nere mi sa tanto di mediterranea, buonsisima..
cmq questi spaetzle con quella caccavella li hai fatti? no perchè quell'aggeggio mo' voglio prenderlo pur'io!! :D
ottimo il condimento, semplicissimo ma perfetto

p.s. ma sta manina alla crema che è??? e siamo già in 3 a non sperlo eh! :D

manuela e silvia ha detto...

Ciao! ah..i tempi dell'università..almeno erano fatti di capisaldi!!!
Bravissima per questo spatzle! son perfetti! anche per noi il must è con burro e parmigiano!!
un bacione

Alex ha detto...

...nel gruppo degli interpreti c'ero anch'io (anni dopo tra gli aziendalisti)...ma Tonolo è Tonolo!!!
Ancora oggi si sgomita per i bignè...e la "fauna" non è cambiata un pelo...

Michela ha detto...

ecco. mi sono anche commossa...eeetttaaa? matiiiss? eeelviis? baci. anche da Manio Curio Dentato e dal Sidus Agrippae...

One Girl In The Kitchen ha detto...

Michela, lo sai che questi te li dedico, no? Per tutte le volte che sei andata giu' a prendere la manina e per tutte le focacce bellunensi che hai portato nello zaino!

La manina e' una brioche con crema cotta e uvetta, piu' o meno di forma tonda, a noi l'hanno sempre spacciata per specialita' veneziana, o forse era una specialita' solo al di qua del Ponte di Rialto????
Santo Google, diamoci da fare....

Virginia ha detto...

Aaaaaaaaaaaaaaah, ecco!!!

Castagna e Albicocca ha detto...

Uffi ma io non ho la caccavella!!!E' da un sacco che li voglio provare! Dovrò inventarmi qualcosa...tipo usare lo schiacciapatate? Ma temo che i forellini siano troppo piccoli.

PS fantastica la digressione sul periodo universitario...mi hai fatto -quasi- venir voglia di tornare studente...(dico quasi perché tutta sta voglia di rimettermi sui libri non ce l'avrei...)!
Ahahahah! PS a questo punto è di dovere fornire la ricetta della manina,eh?!

Castagna

One Girl In The Kitchen ha detto...

@Castagna: no, no, lo schiacciapatate non puo' andare, ci vuole la caccavella.
Adesso, quello che mi fa piu' ridere e' che la suddetta caccavella a Venezia non la trovavo manco a morire, qui a San Francisco invece...no problem!!

Alem ha detto...

che bello questo post!!!

Lydia ha detto...

Voglio la manina ed il bignè di tonolo.
Mannaggia a te e a tutti i volii che mi fai venire.

P.S.
Domani vado in un negozio di giardinaggio

Barbara ha detto...

Gli stessi ricordi, esattamente gli stessi, non cambio una virgola, che nostalgia! Ora lo spritz lo prendo al bitter,deformazione dovuta alla vecchiaia.
Cosa ti stupira' di piu' sara' sapere che la mia ricetta degli spaetzle e' identica alla tua, visto che mi arriva dalla mamma di Roberto "Il Bortel", di Cortina. La sua ragazza era di Venezia e quindi...... vai di spaezle.
L'hai poi letto quell'articolo su Cortina sul NYT che ti avevo linkato?

Buona settimana.

Dimenticavo: guarda che Tonolo e' sempre li', immutabile.

terry ha detto...

La caccavelal spaetzeliana ce l'ho pure io ma devo ancora metterla in opera...mi segno sta ricetta collaudata mia cara!:)

Alex ha detto...

Sara...ma tu manchi un pò da Venezia...la caccavella si trova. Eppure, dopo anni di Germania, non l'ho mai acquistata, sono sempre tentata...ma vedremo (non ho spazio per niente ormai....)

Luciana ha detto...

Ciao ma son buonissimi!!!! E mi piace anche il fatto di poterli congelare!!! Appena compro l'attrezzo li provo...un bacione Luciana

Laura ha detto...

Sara, mi hai fatto cosi' ridere. Tutto suona cosi' familiare. E Tonolo, devo dire che concordo, i suoi bigne' sono storici e unici. Ne ho provati tanti, ma buoni come i suoi non esistono. Volevo fare l'apprendista da Tonolo, ma mi ha detto che lui non crede a queste cose, ti pare? Avrei lavorato gratis, e la concorrenza non esisteva visto che vivo in California.

Non ho fatto gli spaetzle da anni, grazie per avermeli ricordati, devo tirare fuori l'arnese.

maia ha detto...

Li adoro! mi manca la caccavella .. continuerò a prenderli ai mercatini che vendono prodotti tipici altoatesini!
ciao

paolo ha detto...

tbella la citazione di alta fedelà. ho letto il libro e visto il film e mi sono piaciuti entrambi..io non ho una classifica ma potrei sempre pensarci...vedremo
beh un cult i tuoi spaetzle..brava!

One Girl In The Kitchen ha detto...

@Alex: effettivamente manco da un po' di anni... : (

@Barbara: il Bortel! Ripeto, come e' piccolo il mondo. Si', si', l'avevo letto l'articolo, scusa se non ti avevo risposto. Bello, e che nostalgia.

@Laura: non ci posso credere!!!! Lui non crede a queste cose e ti rifiuta un internship?????? Bhe, peccato...ti immagini senno' una filiale di Tonolo nella Bay Area?

@Paolo: anche a me libro e film erano piaciuti tantissimo, dovrei ripescarli.

A tutti, grazie. Tonolo Forever!!!!

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Sara, se è stato questo piatto a "segnare l'inconsapevole inizio di questa follia culinaria"...W gli SPAETZLE!!!
Baci
Anna Luisa

Fra ha detto...

I tuoi top five incontrano appieno i miei gusti! Quei bignè che descrivi mi fanno impazzire. Ma che dire dei tuoi spaetzle, mi ricordano le vacanze passate in montagna, quei sapori decisi e avvolgenti che non si dimenticano mai. Mi segno la tua ricetta e proverò a farli (non ho l'attrezzo apposito ma farò dei piccoli gnocchetti ;) )
Un bacione e buona giornata
fra

Posta un commento