Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Pudding Cake Speziato allo Zenzero - Prove Tecniche di Natale

domenica 20 settembre 2009
Pudding Cake Speziato allo Zenzero

Come era bello quando il Natale arrivava solo a dicembre, quando per fare l’albero si usavano i balocchi spaiati sopravvissuti agli anni precedenti e quando fare il presepe non era politicamente scorretto. Erano i tempi in cui nevicava di brutto e non faceva notizia, dopotutto era normale che in inverno fosse cosi’.

Vorrei cantare insieme a Voi, in magica armonia…

Non vi preoccupate, non sono impazzita ne’ ho ingerito sostanze sospette. Semplicemente, mi sono messa al passo coi tempi. Una domenica di fine settembre, gironzolo per la citta’ e mi godo forse l’ultima giornata di sole di questa estate indiana.

Invece mi vogliono convincere che il Natale e’ ormai alle porte e che io, come al solito, sono indietro. Vetrine ammiccanti propongono messaggi festivi e fiocchi di neve stilizzati, da Starbucks hanno iniziato a vendere il caffelatte aromatizzato allo zenzero, vera chicca di tutte le Feste, e improvvisamente mi viene voglia di cantare Last Christmas e di andare a svaligiare il centro commerciale approfittando dei saldi, non so piu’ se di fine estate o pre-natalizi. Da adesso fino al 25 dicembre sara’ tutto un crescendo di stucchevolezza, un fiume di melassa in corsa prima della piena, sbarrato solo dalle zucche di Halloween e dai tacchini del Ringraziamento.

Quest anno ho deciso di lasciarmi trascinare, ogni tanto voglio essere alla moda anche io, che male c’e? Cosi' ho fatto scorta di melassa, zenzero e cannella e mi sono messa all’opera.

Go to buy a tree but not a true tree becouse otherwise it would die die die die die
(Elio e Le Storie Tese, Christmas with the yours)


Pudding Cake
alle Spezie e Zenzero

per uno stampo da plumcake di 22 cm oppure due piu' piccoli

farina 110 gr.
bicarbonato di sodio 1/2 cucchiaino
cannella in polvere 1/2 cucchiaino
chiodi di garofano in polvere la punta di un cucchiaino
pepe nero macinato fresco una spolverata
zenzero fresco, pelato e tritato 50 gr.
acqua bollente 100 ml.
zucchero 75 gr.
olio di semi 75 ml
melassa 115 gr.
sale un pizzico
uova 1


Setacciare la farina con il bicarbonato, unire cannella, garofano e pepe. Mettere lo zenzero nel mixer, coprirlo con l'acqua e frullare finche' si riduce in poltiglia. Versarlo in una ciotola, unire zucchero, olio, melassa e sale e sbattere bene. Unire la farina setacciata con le spezie, mescolare ancora e poi aggiungere l'uovo, continuando a sbattere finche' il composto e' omogeneo e ben amalgamato. Si otterra' un impasto molto liquido.
Versarlo nello stampo o negli stampini imburrati e infornare a 160/170 per circa 1 ora e 10 minuti (45 minuti per gli stampini piu' piccoli), o finche' la lama di un coltello inserita nel mezzo esce pulita.
Lasciare raffreddare il dolce nello stampo per 20 minuti prima di rovesciarlo su una grata. Farlo freddare completamente prima di servire.

Lo chiamano Pudding Cake per il fatto che e' morbido e umido, una via di mezzo tra un plumcake e un pudding. Adatto a chi apprezza lo zenzero e i sapori speziati e piccantini, altrimenti e' meglio che lo rifiliate a chi vi sta antipatico.
La ricetta l'ho presa dal libro di Tartine Bakery, di cui vi avevo gia' parlato qui. L'ho divisa a meta', perche' ci aspettano tre mesi pieni di melassa e non sta bene fare indigestione gia' all'inizio della festa.
15 commenti
sweetcook ha detto...

E' da tempo che vorrei provare a farlo, ma non saprei dove trovare la melassa in quest'angolo sperduto del mondo :( Non è che per caso hai qualche dritta sul come prepararla in casa?
ha un aspetto divino e umidoso come piace a me ^_^

Marta ha detto...

noooo già Natale nooooo

però il tuo cake è buonissimo ;O)

Arietta ha detto...

Beh, in effetti gli americani sono peggio degli italiani in quanto ad anticipazione del Natale. Nonostante qui faccia presumere tutto il contrario (piove, piove, piove) mancano ancora alcuni mesi...eppure non ho ancora avuto il piacere di vedere in tv la solita pubblicità delle statuine da collezione (orrore) che già da fine agosto allietavano i miei pasti (la prima volta nel deglutire in preda allo stupore a momenti mi strozzo).
Ti passo la ricetta natalizia solo perchè sei tu, perchè racconti le storie in una maniera che mi ammalia e perchè amo molto questi dolci speziati. E il Natale. Oh. :-)))))))))))) Bacioni!

Fra ha detto...

Mi hai convinta questo pudding lo proverò decisamente prima che arrivi Natale!!!!
Un bacione
fra

alessandra (raravis) ha detto...

ecco, io stavo solo aspettando che qualcuno me lo sdoganasse, 'sto Natale tutto l'anno... fosse per me, lo aspetterei già dal 26 dicembre... vado a grattugiare lo zenzero!!!
ciao
ale

sciopina ha detto...

natale è ancora lontano, ma quando comincia la pioggia inevitabilmente comincio a penasarci anch'io ed ho già stilato il meù della vigilia. Questo dolcetto tipico anglosassone assaggiato mille volte non l'ho mai preparato, chissà che nn ci provi proprio quest'anno!

Genny ha detto...

ehehe mi è venuto da ridere perchè anche io in questi giorni sto pensando al natale:DDDche pare così lantano..ma io lo so che è qui dietro!:DDDbello il cake..profuma di albero , palline, luci e freddo..:D

mika ha detto...

Che bello!! Adoro le ricette invernali!!! Quelle estive non mi piacciono, non mi piacciono proprio...le spezie e tutti i profumini natalizi mi fanno impazzire invece...e questa la provo di sicuro!! a metà tra pudding e cake, giusto? mi ispira troppo e oggi c'è freddino, potrei pure accendere il forno...

Patrizia ha detto...

Che bontà questa ricetta! Ma Natale ancora no, ti prego...voglio godermi ancora un po'la malinconia decadente di questo autunno, aspettare la senazione frizzantina della prima mattina davvero fredda, rabbrividire nel vento freddo di novembre...e poi mangiare una fetta di questo tuo dolce fantastico!
Ciao
Patrizia (melagranata)

Diletta ha detto...

Sara, anche io ho fatto qualcosa per prepararmi a Natale...rieattivare Lazzaro cosi' magari quest'anno 'sto benedetto panettone riesco a farlo!!! :)
E ti capisco..anche qui nei negozi ci si sta preparando....passato Halloween sara' tutto addobbato a festa....puah!!!
Un sorriso speziato
D.

Mariù ha detto...

E io che ancora cercavo di attaccarmi all'ultimo barlume di estate... qua c'è chi pensa già seriamente al Natale!

Romina ha detto...

Ciao, pensi che omettendo l'uovo il risultato è lo stesso o almeno simile? O dovrei aggiungere un lievito chimico?

One Girl In The Kitchen ha detto...

Ciao Romina, scusa il ritardo nella risposta, magari a questo punto avrai già fatto, comunque secondo me l'uovo si può omettere, l'impasto è comunque molto liquido e la torta resta bagnata e umida. Potresti al limite provare a sostituirlo con mezza banana schiacciata, non credo che influisca sul sapore perché le spezie, lo zenzero e la melassa sono molto intensi. Facci sapere e grazie!!!

Romina ha detto...

Ciao, grazie per avermi risposto. Il sapore era ottimo, ma non è lievitato. Riproverò con uno stampo più piccolo e forse la banana. Tu usi l'uovo come legante? Qual'è agente lievitante il questo dolce?
Comunque volevo farti i complimenti per il blog e per le tue fantastiche foto. Sto provando anche io ad avere un blog, ma già solo la grafica mi sta crendo problemi. :(

One Girl In The Kitchen ha detto...

Ciao Romina, io a dire il vero l'ho fatto solo due volte, e all'epoca avevo usato l'uovo per legare. Nel frattempo pero' mi sono veganizzata, per cui se lo dovessi rifare proverei con la banana. Oppure anche con un po' di latte di soia, solo appunto per legare l'impasto. Il bicarbonato funge da lievitante, ma se non ha funzionato, usa lievito chimico. Ricorda comunque che non e' un classico plumcake, rimane molto umido, anche se certo un po' deve comunque lievitare.

Posta un commento