Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

Torta con Pistacchi, Yogurt e Olio di Oliva

lunedì 14 settembre 2009
Torta ai Pistacchi con Yogurt e Olio di Oliva

Ho troppi libri (forse). Di sicuro ho troppi libri di cucina. E sempre meno spazio in cui tenerli.

Badate bene che questa non e' l'improvvisa folgorazione sulla via di Damasco, ma il risultato di una formula infallibile che tiene conto dei seguenti fattori:
• il totale dei metri cubi a dispozione moltiplicati per le speranze di avere un giorno una casa piu' grande;
• il totale delle ricette possibili fratto il numero di giorni in un anno;
• la differenza tra i buoni propositi e il rapporto costo/tempo del take-away;
• la conversione media ad acquisto delle email ricevute da Amazon ogni settimana, in cui mi si tenta con un Cara Sara, dal momento che hai acquistato il favoloso Libro sulle Marmellate, abbiamo pensato che ti potrebbe interessare l'ultima uscita sui Bigné.

Da qualunque parte la si voglia prendere, il risultato della formula e' sempre lo stesso: Ho troppi libri (forse). Di sicuro ho troppi libri di cucina. E sempre meno spazio in cui tenerli.

Con l'obiettivo di porre rimedio alla drammatica situazione, ho escogitato la seguente strategia:
1) Prendere un libro a caso dallo scaffale;
2) Aprire una pagina a caso del suddetto libro;
3) Testare la ricetta;
4) Se la ricetta non funziona, riciclare il libro mettendolo in vendita su Amazon (il ricavato non potra' essere devoluto all'acquisto di un altro libro di cucina);
5) Se la ricetta funziona, si e' autorizzati a tenere il suddetto libro;
6) Per massimizzare lo sforzo, usare il prodotto finale del test come argomento del post del giorno.

Inutile dire che la torta in oggetto e' il primo atto di questa geniale strategia. Il libro da cui e' tratta la ricetta e' per ora in salvo, io magari un po' meno.


Torta Turca ai Pistacchi
con Yogurt e Olio di Oliva

per uno stampo apribile di 24 cm di diametro

pistacchi, al naturale e senza guscio 140 gr.
farina 125 gr.
bicarbonato di sodio 3/4 cucchiaino
lievito per dolci 1/4 cucchiaino
sale un pizzico
uova, a temperatura ambiente 6
zucchero 150 gr.
yogurt naturale 180 gr.
olio extra-vergine di oliva 85 gr.
cremotartaro 1/2 cucchiaino
zucchero a velo per spolverare


Tostare i pistacchi nel forno a 150 per circa 15 minuti, facendo attenzione a che non diventino troppo scuri. Sfregarli tra le mani per eliminare il piu' possibile la pellicina che li ricopre, quindi tritarli finemente nel mixer.
In una ciotola, setacciare la farina con il lievito, il bicarbonato e il sale.
Sbattere a crema i tuorli con meta' dello zucchero, finche' il composto e' denso e spumoso. Unire lo yogurt, l'olio di oliva e mescolare ancora. Aggiungere quindi la farina e i pistacchi tritati. A parte, sbattere gli albumi a neve con il cremotartato. Quando sono abbastanza densi, unire l'altra meta' dello zucchero e continuare a sbattere finche' il composto e' denso e trslucido. Unire delicatamente gli albumi all'impasto, avendo cura di non smontarli.
Versare l'impasto in una teglia preventivamente imburrata e infarinata, e cuocere a 175 gradi per circa 55 minuti. Lasciare raffreddare su una grata, cospargere di zucchero a velo e servire.
23 commenti
Ornella ha detto...

Sara, la strategia mi sembra VINCENTE! TU COMPRI I LIBRI, TESTI LE RICETTE E PUBBLICHI SOLO QUELLE BEN RIUSCITE... COSì NOI ANDIAMO SUL SICURO!! ;)))
Molto interessante questa ricetta con yougurth e olio d'oliva...
BRAVISSIMA!!!
Ornella

Ornella ha detto...

Ma come cavolo ho scritto..., sto ancora dormendo... Scusa il maiuscolo ma soprattutto quello
" yougurth ":))))

Marta ha detto...

Ma che bella questa torta! Anche tu pistacchi eh...?;O)
La mia è venuta un po' asciuttina...maledetto vizio di cercare di togliere i grassi...ehehe....che poi da una torta cioccolato pere e pistacchi è molto difficile!
Adesso vedo se pubblicarla con qualche accorgimento..!

Federica ha detto...

che bella questa torta...e sicuramente buonissima!

Genny ha detto...

la torta è splendida...ma..mi sa che di libri ne metterai in vendita ben pochi!:DDDDD

sweetcook ha detto...

Eheheeh abbiamo un problema comune. Solo che io noncurante continuo a comprarne di nuovi. Ieri mi è arrivato l'ultimo delle sorelle Simili, ihihih

Che torta spettacolosa ^_^

Fra ha detto...

Fantastica strategia mi sa che comincerò a utilizzarla anche io, soprattutto per sfruttare gli acquisti che ho fatto che spesso per pigrizia o presunta mancanza di tempo stanno a prendere polvere sugli scaffali! Questa torta sembra davvero ottima, ma qual'è il magico libro da cui l'hai tratta?
Un bacione
fra

Castagna e Albicocca ha detto...

La torta è spettacolare, hai fatto bene a tenerlo! Io anche comincio a riempirmi di libri...però riesco a fare pochissime ricette...li sfoglio e li risfoglio, le vorrei fare tutte e invece alla fine se ne faccio 1/ max 2 per libro è già tanto!
Consolatemi che anche voi fate così!
Castagna

Barbara ha detto...

Strategia geniale, soprattutto il tra parentesi del punto 4: il ricavato non potra' essere devoluto all'acquisto di un altro libro di cucina!! In ogni caso, sono contenta che il primo libro sotto esame sia salvo, la torta è davvero splendida!!

Il gatto goloso ha detto...

Bella la foto e ottima la ricetta!
Però consolati, non sei l'unica, anche io ho una casa piccola e i libri di cucina si trovano in ogni stanza (bagno compreso :])... però non riesco a separmici, è più forte di me, perchè penso che un giorno mi pentirò e magari mi serviva proprio quella ricetta che c'era su quel libro! eh eh... però se tu ce la fai e non ti dispiace fai benissimo! :]

Susina strega del tè ha detto...

Io mi stò disintossicando dai libri di cucina, ci potrei tappezzare tutta casa, persino il garage e la cantina ...
questa ricettina mi intriga, torta soffice pistacchi e yogurt .. da provare...
good!

Lydia ha detto...

Io sto ridendo, ho il tuo stesso, gravoso problema.
Dicono che i libri siano cibo per la mente, i libri di cucina avranno reso la mia mente obesa!!!

alessandra (raravis) ha detto...

E io, che ho preso casa grande- che così avrò una stnza tutta per i libri di cucina- e che, a pochi giorni dal primo anniversario del trasloco, sono di nuovo ai punti di prima? Nel senso che l'avere spazio ha dato la stura a tutti i peggiori istinti miei ( e di mia suocera e di mia madre, che, con la scusa che io sì che sapevo dove metterli, mi hanno sbolognato i loro libri...): proverò col tuo sistema, comunque. il punto 4 mi convince parecchio
ciao
ale

Diletta ha detto...

Anche io ....già troppi libri di cucina e già con il problema di farceli stare tutti nella casa nuova...se poi conto anche le caccavelle, è finita!
Bella ricetta!

Un sorriso selezionato,
D.

robertopotito ha detto...

troppi libri??? fai un salto da me e ti spaventi... eh eh
Interessantissimo questo abbinamento con l'olio di oliva..
complimenti

astrofiammante ha detto...

mi pare di capire che il rischio di affogare tra libri di cucina sia ben condiviso...magari potessimo condividerli ...forse cominceremo a comprarne di meno..
intanto la tua strategia potrebbe funzionare....buona torta!!

Cappuccetto Rosso ha detto...

bhe, che dire....mi consolo. Mal comune mezzo gaudio, dicono. Voglio vedere se riesco a separarmi da qualcuno dei libri, in passato ne ho messo in vendita uno su amazon, quando mi e'giunta la mail che qualcuno lo voleva comprare, gli ho scritto che non era più disponibile!!!!!

Per la torta, e' una torta molto leggera e soffice, adatta alla colazione.

giowall ha detto...

Ciao Sara,
posso chiederti se è corretto 125 g di farina? Mi sembra poco per 6 uova e poi lo yogurt e l'olio...non resta molto liquida?
Saluti,
Valeria

Rosy ha detto...

Ehi, Cappuccetto Rosso hai visto che nevicata a Cortina :)

Bella la torta!!!!!!!!!!

Il segreto contro l'attentato alla linea, se non si è in tanti in famiglia, è di farsi aiutare dagli amici o colleghi di lavoro. Sempre!!!

sabrine d'aubergine ha detto...

Che dire: cose turche! La torta sembra deliziosa, la tua scrittura lo è senza alcun dubbio: connubio perfetto. C'entra qualcosa quella lunga sequenza di acquisti su Amazon? Suggerimento: tienili tutti, usane quattro pile per farne le gambe di un tavolo. A presto

Cappuccetto Rosso ha detto...

@Valeria: si', la dose e' giusta, l'impasto non e' troppo liquido, ma la torta e' molto leggera, e data la presenza di tante uova e degli albumi a neve, e' spugnosa. Puoi aumentare la farina se vuoi o togliere uno o due uova. Ci sono comunque 140 gr di pistacchi ridotti a farina.
@Rosy: siiiiii', ho visto, che bello, ma che nostalgia!
@Sabrine: grazie, troppo gentile. In effetti non so se riusciro' a separarmi dai libri, come ho detto, una volta ne ho venduto uno su Amazon e all'acquirente ho scritto che I am sorry....non ce l'avevo piu' in stock!!! Cosi' alla fine l'ho tenuto.

Anonimo ha detto...

Ho fatto la torta!!! buonissima. Prearata ieri sera, alle 17 di iggi ce n'è meno della metà...domani a colazione sparira'. Ho utilizzato lo yogurth greco. Risultato Ok.
Grazie Sara
Clelia
Padova

Mariù ha detto...

Ahahah, mi hai fatto morire dal ridere! E sono pienamente d'accordo con te!
Dovrei adottare questa tecnica anch'io, ma poi so che non riuscirei a separarmi da nessuno di quei piccoli pezzi di cuore....
Certo che si è salvato, questa torta è un piccolo capolavoro.
Bacioni,
m.

Posta un commento