Home Chi sono Tutte le ricette. Più o meno in ordine Fonti di ispirazione Vuoi scrivermi? English Version

La Torta di Compleanno

domenica 19 luglio 2009
Torta Margherita

Da piccola pensavo che il vento fosse opera degli alberi, che tutti insieme decidevano di agitare le fronde per muovere l’aria. Credevo che una volta adulto ti avrebbero affibiato un altro nome, perche’ per me esistevano i nomi da bambino, come il mio o quello dei miei fratelli, e i nomi da grandi, come quello dei miei genitori o dei miei nonni.

A quattro anni non pensavo che si potesse desiderare addirittura un armadio pieno di scarpe, perche’ le uniche che volevo erano un paio di ballerine in vernice nera. Ero convinta che dentro all’orologio della nonna ci fossero due gnomi che giocavano a lanciarsi il pendolo, come in una partita di ping pong, e ogni tanto mi facevano pena perche’ sapevo che erano proprio stanchi. E poi ancora pensavo che al sabato sera fosse d’obbligo la pizza, e credevo che questa qui fosse l’unica torta possibile. Di sicuro per me era la torta piu’ buona del mondo.

La prima volta che l’ho mangiata e’ stata questa, un pomeriggio d’estate di tanti anni fa, quando io e miei fratelli eravamo ancora costretti a portare lo stesso taglio di capelli. Quando diventavano troppo lunghi, la mamma a turno ci infilava una scodella in testa, capovolta, e a colpi di forbici cercava di pareggiare le estremita'.

Adesso che rivedo la torta rivestita di bigne’ alla crema o ricoperta di glassa al cioccolato, mi viene da pensare che entrambe fossero molto piu’ goduriose di questa. Eppure, la versione con panna montata e fette di ananas sciroppato e’ quella che ricordo meglio e a cui sono piu’ affezionata. Forse perche’ io e mio fratello litigavamo sempre per spartirci il succo di ananas rimasto nella lattina, dopo aver leccato a vicenda i rimasugli della crema pasticcera sul mestolo di legno.

Si chiamava Torta Margherita ed era proprio speciale perche’ la mamma la faceva sempre e solo per il nostro compleanno. So per certo che se chiedete ai miei fratelli qual e’ il piatto dell’infanzia che ricordano con maggior salivazione, anche loro metteranno questa torta sul podio, insieme al coniglio con il salame e fegatini e ai cannelloni in bianco della domenica a pranzo.

Qualche anno fa ho ricopiato alcune ricette dal vecchio quaderno di famiglia e me le sono infilate in valigia. Tuttavia, un po’ per pigrizia e un po’ per una specie di timore reverenziale, non ho mai voluto sperimentarne nessuna. Finche’ oggi mi sono decisa, ed e’ davvero il piu’ bel regalo che potessi farmi.


Torta Margherita
per uno stampo di 24 cm di diametro

Per la Base
zucchero 150 gr.
zucchero vanillinato 1 bustina
uova 6
farina 75 gr.
fecola 75 gr.
lievito 1/2 bustina
scorza grattuggiata di un limone
rhum, zucchero e acqua per bagnare


Sbattere a crema a bagnomaria le uova con lo zucchero e lo zucchero vanillinato finche' il composto e' chiaro e compatto. Togiere dal fuoco e continuare a sbattere finche' si raffredda. Incorporare la farina setacciata con la fecola e il lievito e la scorza di limone.
Versare l'impasto nella teglia imburrata e infarinata e cuocere a calore medio (180) per circa 35-40 minuti.
Quando la torta e' fredda (meglio ancora se il giorno dopo), tagliarla in tre strati e bagnarli con un po' di rhum diluito in acqua bollente zuccherata.


Per le Creme
latte 1/2 litro
1 stecca di vaniglia
zucchero 150 gr.
farina 50 gr.
uova 2
tuorli 2
burro 25 gr.
scorza grattuggiata di un limone, cacao

Per Finire
panna fresca 1/2 litro
zucchero a velo 2 cucchiai
ananas a fette 1 barattolo


Far bollire il latte con la stecca di vaniglia, dopo aver raschiato i semini interni. A parte sbattere bene le uova e i tuorli con lo zucchero. Unire la farina setacciata, mescolare bene, versare a filo sopra il latte caldo e cuocere mescolando per 10 minuti circa.
Fare intiepidire, poi unire il burro e mescolare finche' e' amalgamato. Dividere la crema in due e unire a meta' la scorza di limone, e all'altra meta' un paio di cucchiaini di cacao. Farcire la torta con le creme, una per strato, e ricomporla.
Montare la panna con lo zucchero a velo, finche' diventa molto soda, rivestire la torta e decorare con cristalli di zucchero e fette di ananas sciroppato.

Per chi fosse interessato, riporto di seguito la ricetta della glassa al cioccolato, pari pari da come l'ho copiata dal quaderno.


Per la Glassa al Cioccolato
cioccolato fondente 1 tavoletta
olio 1 cucchiaio scarso
acqua


Far fondere il cioccolato tritato con un po' di acqua calda. Unire un filo di olio e mescolare finche' diventa liquido. Far intiepidire, quindi rivestire la torta.
Facile, no? : )
7 commenti
alessandra (raravis) ha detto...

sara, il più bel regalo che potessi farci è questo post, con tanto di video. Te lo dice una che non si commuove facilmente, meno che mai per via virtuale, ma che si è scoperta a tirar su col naso, sulle note di Sarah e sui ricordi di tanti anni fa. L'augurio più bello, dal più profondo del mio cuore- ed un grazie immenso, per le emozioni che mi hai regalato
ale

Diletta ha detto...

Sara anche a me e' venuto il magone. Sono un po' in una fase nostalgica e quadi affiorano i ricordi mi viene il nodo in gola..
Buonissimo compleanno e un abbraccio forte,
D.

Azabel ha detto...

Grazie per il tuo racconto :)

Barbara ha detto...

Sara che bello il tuo racconto, che bello il video della festa e che belli questi ricordi che tutti portiamo con noi, fanno parte del bagaglio del nostro "viaggio".

Ognuno di noi ha avuto la propria torta, le proprie festine con gli amichetti e i fratelli e tutto questo fa parte della storia di ciascuno.

Grazie per aver condiviso con noi i tuoi ricordi e la tua torta!

Barbara

Cappuccetto Rosso ha detto...

Ragazze grazie mille! Io tendo ad essere un po' troppo nostalgica, con questo post volevo cercare di guardare al passato con piu' serenita'.
Da domani altro post, altra vita ; )

@Ale: ti ho pensato ieri quando ho comprato una confezione di mirtilli, mi sa che c'hai ragione, dopo tanti anni che vivo qui non ci faccio piu' caso, ma sono grandi come delle palline da ping pong!!!!
eh eh eh....

Ornella ha detto...

Sara, spero che tu abbia trascosrso una splendida giornata... La tua torta magnifica ed il tuo tenerissimo racconto sono stati un bel regalo per noi! Anche la torta della mamma, meravigliosa, altissima, col cioccolato ed i bigné da paradiso per bambini golosi...
Tesoro, un bacio grandissimo ed ancora tanti auguri di cuore,
Ornella

Concetta ha detto...

Sara! Il tuo blog e`a dir poco fantastico!!e il post della torta di compleanno mi ha commosso un sacco...MI dispiace tanto essermi scordata di farti gli auguri per il tuo compleanno e ti li faccio ora con tanto ritardo, ma melgio tardi che mai: Che questo nuovo anno di vita ti regali l`avverarsi di uno o desideri!
Ti abbraccio forte forte,

Posta un commento